Il BENESSERE DELLA PERSONA: Rapporto tra sollecitazioni esterne ed organismo

CONTINUIAMO A FAR MATURARE LE COSCIENZE.

Ognuno di noi ha i suoi problemi piu’ o meno gravi ma le persone dominanti imparano a gestirli per non diventarne succubi.
E’ di fondamentale importanza distinguere lo stare in pace con la coscienza e lo si puo’ essere anche da succubi dallo scaricare su se stessi le varie frustrazini della vita pur stando in pace con se stessi!
Ci sono individui che scaricano le varie frustrazioni sul prossimo, altri che se le fanno scivolare via ed altri ancora che le scaricano su se stessi.
In questo ultimo caso, indipendentemente dallo stare in pace con se stessi, cosa che certamente aiuta, si attivano una serie di meccanismi che portano a tutta una serie di malattie che debbono essere inquadrate nell’ambito delle sindromi psico-somatiche che vanno dalle malattie della pelle, alle malattie psichiatriche, alle malattie cardiologiche, alle malattie gastroenteriche ecc. .
La maggior parte dei medici trattano queste varie malattie con farmaci sintomatici che alleviano certamente i sintomi ma aggravano la malattia e spesso determinano anche l’insorgenza delle cosiddette “malattie iatrogene”.
Questi atteggiamenti terapeutici portano, quasi sempre, l’individuo ad essere cronicamente ammalato con grande vantaggio sia per i medici che per le case farmaceutiche.
Se si vuole, invece, come e’ giusto che sia, portare il paziente a guarigione bisogna intervenire sulla causa e non sul sintomo!
La terapia, pertanto, deve essere una combinazione tra colloqui continui con il paziente per portarlo a modificare in meglio il proprio stile di vita ed il proprio carattere e poi, in fase iniziale, certamente anche con prodotti naturali o con farmaci purche’ curativi limitando l’assunzione dei presidi sintomatici ai soli casi dove il sintomo e’ eccessivamente fastidioso.
Mariano Amici, medico

Purtroppo le elezioni del 25 settembre non saranno una occasione per il cambiamento

CONTINUIAMO A FAR MATURARE LE COSCIENZE.

Purtroppo le elezioni del 25 settembre non saranno una occasione per il cambiamento ma serviranno solo per delegittimare le forze dell’anti sistema che,cadute nel tranello, stanno scendendo in campo impreparate e male organizzate dando oltretutto l’impressione di correre soltanto per la poltrona.

Il governo uscente, infatti, con la copertura di chi sta al di sopra, ha attuato, anticipando le elezioni, un autentico “golpe” per avere la legittimazione dell’elettorato, anche in caso di bassissima affluenza, a continuare a depredarci, opprimerci, limitare le nostre liberta’, impoverirci, renderci cronicamente ammalati ed attuare tutte quelle iniziative atte a controllare che ogni nostra azione sia rispondente ai voleri della cupola.
Ho tentato di spiegare come organizzarci per fare un fronte comune forte ma, per ora, la mia voce e’ rimasta inascoltata.

Mariano Amici

La macchina del fango è in piena attività…

CONTINUIAMO A FAR MATURARE LE COSCIENZE.

La macchina del fango è in piena attività con qualche nota di disperazione, stante il periodo di campagna elettorale, perché non basta fissare una data per le elezioni talmente a breve termine da impedire, di fatto, a tutte le realtà anti-sistema di potersi organizzare per partecipare alle consultazioni elettorali. Non è sufficiente. Il sistema vuole avere la “certezza” di escludere da ogni possibile consenso pubblico tutti coloro non allineati con le direttive di manipolazione mentale, di restrizione delle libertà personali, di trattamento sanitario obbligatorio di massa, di asservimento agli interessi degli USA, di distruzione del tessuto economico nazionale ed impoverimento estensivo del ceto medio.
L’ultimo esempio, in ordine di tempo, che riguarda la mia persona è la “trappola” tesami da “zona bianca”, in onda su Rete4. Il solito staff di giornalisti servi del sistema, montando ad arte un servizio dai toni altisonanti, ha sottolineato il mirabolante scoop: “ho intascato” soldi pubblici per diffondere su due emittenti televisive, di cui sono stato amministratore, i messaggi governativi per la prevenzione del contagio Covid, benché in contrasto con le mie note opinioni personali.

Ricapitoliamo il fatto specifico: un amministratore di società radiotelevisive ha opinioni specifiche che non influenzano la linea editoriale delle sue emittenti, le quali – nel pieno rispetto della legge – partecipano ad un bando pubblico per accedere a finanziamenti. È veramente uno scoop sensazionale.
Un amministratore che tutela l’interesse legittimo delle sue società, e che, durante una terribile crisi economica causata dallo Stato per schiacciare le piccole realtà, agisce – nel pieno della legalità – per garantire al suo personale il pagamento degli stipendi.
Che poi nello specifico periodo di riferimento io non fossi neanche amministratore, questo non è di interesse, perché sgonfia lo “scoop”.
E i personaggi che dallo studio mi accusano di essere “molto sensibile al denaro” sono gli stessi che si facevano pagare i certificati di esenzione vaccinale (che debbono essere gratuiti per legge), eseguiti – tra l’altro – in maniera non idonea all’uso per il quale erano destinati.
Da che pulpito vengono le prediche di moralizzazione!

Ormai non mi stupisco più delle bassezze a cui ricorrono i giornalisti main-stream, sempre solerti e scondinzolanti rispetto al sistema, soprattutto dopo che il “salvatore della Patria” ha salvato le loro super-pensioni, accollando il deficit dell’inpgi all’inps.
Come potrebbero andare contro il sistema dopo questa “marchetta”?
E non parlo di spot, parlo di conduzione di programmi “informativi”, quelli che dovrebbero informare e non fare propaganda.

Dunque non sono sorpreso, accolgo anche questo attacco. Ad altri colleghi è andata anche peggio, vittime di decessi le cui dinamiche non sono affatto chiare.

Mariano Amici, medico

1.000.000 di Pec alla Corte Costituzionale per dire NO al vaccino obbligatorio

A ottobre la corte costituzionale deciderà se rendere obbligatorio il vaccino. Inutile quindi ricordarvi che qui si gioca il tutto per tutto. Se passerà come legge, non potremo più fare nulla e i campi di contenimento o la proibizione ad uscire di casa sono assicurati, cone minimo! Dunque penso che tutti dovrebbero firmare se interessati alla libertà di opinione. Ecco qua la copia dell’esposto da inviare come pec. Non uno ma dieci milioni di firme dovrebbero intasare il sito.

1.000.000 DI PEC !
ALLA CORTE COSTITUZIONALE !!!

Invito tutte le Cittadine e tutti i Cittadini italiani, a inviare una PEC alla CORTE COSTITUZIONALE che in NOVEMBRE emetterà sentenza sull’obbligo vaccinale.
L’indirizzo PEC della Corte e’:
segreteria.generale@pec.cortecostituzionale.it

OGGETTO: Esposto all’eccellentissima Corte Costituzionale Italiana: antiscientificita’ e incostituzionalità della “vaccinazione” obbligatoria COVID-19.

Il/La sottoscritto/a___ (nome e cognome), Cittadino/a della Repubblica Italiana e’ consapevole che ai sensi della Costituzione Italiana non può rivolgersi direttamente all’eccellentissima Corte Costituzionale per presentare l’esposto in oggetto.
Tuttavia, e’ ALTRETTANTO CONSAPEVOLE della gravità, della drammaticita’ del momento storico che l’Italia sta vivendo, poiche’ ogni giorno da più di 2 anni,
-sono compressi,
-sono calpestati,
-sono ignorati,
i diritti costituzionali e i diritti inviolabili dell’Umanità, della Cittadinanza e dei Lavoratori.
Con piena fiducia, AFFIDA a codesta Eccellentissima Corte il presente esposto, dichiarando che:
-condivide in toto il contenuto medico-scientifico dell’allegato “Rapporto sulla campagna vaccinale e sulla gestione della COVID-19” della Società Italiana di Medicina (link https://societaitalianamedicina.it/);
-ritiene l’obbligo vaccinale in oggetto incostituzionale, visti gli articoli 1, 2, 3, 4, 32, 36 Cost. e viste le numerose ordinanze di remissione alla Corte Costituzionale dei decreti legge che impongono i trattamenti iniettivi anti Sars-CoV2 per l’esercizio da parte dei Cittadini di diritti e liberta’ fondamentali;
– fara’ tutto ciò che gli/le e’ possibile in punto di diritto per garantire il TOTALE RISPETTO della Costituzione della Repubblica Italiana.
IN FEDE
Si alleghera’ alla PEC il documento redatto dai medici italiani che trovate sotto, comunque disponibile al seguente link:

www.societaitalianamedicina.it

Chi di voi non avesse una PEC, può firmare in calce alla PEC di un vostro conoscente: in questo caso però, affinché la vostra firma abbia valore, dovete allegare alla PEC anche la copia di un vostro documento di riconoscimento valido (passaporto, carta d’identità, patente).

DIFFONDIAMO IL PIU’ POSSIBILE!

OBBLIGO VACCINALE

La Costituzione italiana stabilisce che nessun obbligo sanitario può essere imposto con la forza pubblica se non risponde ad un interesse della collettività, e di converso un cittadino ha diritto di adempiere all’obbligo previsto dalla legge per tutelare il proprio e collettivo interesse.

In conformità a questi principi, la legge italiana ha imposto l’obbligo di somministrazione di farmaci vaccinali anti-SARS-CoV-2 per prevenire le infezioni e contrastare la diffusione del virus SARS-CoV-2.

Come ha fatto allora il Ministero della salute ad attuare la legge mediante l’impiego di farmaci, con indicazione terapeutica di anti-COVID-19, nel momento in cui ormai e’ sotto gli occhi di tutti che non impediscono né l’infezione della persona vaccinata né la diffusione del contagio?

La corte costituzionale dovra’ prossimamente pronunciarsi sulla legittimita’ dell’obbligo vaccinale.
Di questa prossima pronuncia da parte della corte costituzionale gli organi di informazione non ne parlano, perche’?

Si vuole forse che la corte costituzionale, formata purtroppo anche da giudici di nomina politica, possa emettere, nel silenzio piu’ totale, una sentenza pilotata che conferma la legittimita’ dell’obbligo, salvando cosi le chiappe di chi ha varato la legge, piuttosto che responsabilizzare i giudici ad emettere una sentenza giuridica che, a fronte della evidenza dei fatti, faccia finalmente giustizia con una pronuncia di incostituzionalita’?

Tutti i cittadini e soprattutto medici ed avvocati sono invitati a far sentire la loro voce!

Mariano Amici, medico

BELLISSIMA RIFLESSIONE

CONTINUIAMO A FAR MATURARE LE COSCIENZE.

Il professore belga Mattias Desmet, il principale esperto psicologo di tirannia, di totalitarismo e di come si forma l’ipnosi di massa, spiega:

“I genitori che fanno punturare così avidamente i loro figli entrano nella coscienza della folla che si chiama ‘𝐟𝐨𝐫𝐦𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐝𝐢 𝐦𝐚𝐬𝐬𝐚’.

Questo cambiamento sociale avviene quando c’è o c’è stato un periodo di paura fluttuante, ed è un passo sulla strada verso uno stato totalitario. Il totalitarismo inizia sempre con una formazione di massa all’interno della popolazione. Non è la stessa cosa di una dittatura.

In una dittatura, la gente obbedisce per paura fondamentale del dittatore al vertice, ma il totalitarismo è l’opposto. Le persone sono 𝐢𝐩𝐧𝐨𝐭𝐢𝐳𝐳𝐚𝐭𝐞 𝐩𝐞𝐫 𝐨𝐛𝐛𝐞𝐝𝐢𝐫𝐞 “𝐚𝐥 𝐛𝐞𝐧𝐞 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐜𝐨𝐥𝐥𝐞𝐭𝐭𝐢𝐯𝐢𝐭𝐚‌”, (…) non sono più razionali o critiche come una volta, non seguono piu’ la logica”.

È per questo motivo che tutti conosciamo amici che una volta erano molto intelligenti e compassionevoli, ma che sono diventati piuttosto stupidi e non vogliono più ascoltare altre voci.
Sono intolleranti, a volte persino meschini o crudeli.

In ipnosi, il focus dell’attenzione si restringe sempre di più fino a quando la persona non riesce più a vedere o sentire, al di là della sua visione molto ristretta, ciò che è reale. E’ stato provato che in un profondo stato di ipnosi e’ possibile subire un intervento chirurgico senza provare il minimo dolore. In questo stato neanche il dolore o il disagio provato dalla minoranza dissenziente viene piu’ percepito.

Come sostiene Desmet, l’ipnosi di massa richiede alcune condizioni in contemporanea per avere luogo. Queste condizioni sociali purtroppo sono state gia’ raggiunte.

La paura e l’isolamento che molti hanno provato prima e durante la pandemia ha trovato il suo perfetto “oggetto della paura” e tale oggetto è saldamente incorporato nella narrazione della pandemia e dei vaccini.

𝐆𝐥𝐢 𝐢𝐩𝐧𝐨𝐭𝐢𝐳𝐳𝐚𝐭𝐢 𝐧𝐨𝐧 𝐩𝐨𝐬𝐬𝐨𝐧𝐨 𝐭𝐨𝐥𝐥𝐞𝐫𝐚𝐫𝐞 𝐨 𝐩𝐞𝐫𝐦𝐞𝐭𝐭𝐞𝐫𝐞 𝐢𝐥 𝐝𝐢𝐬𝐬𝐞𝐧𝐬𝐨 𝐨 𝐮𝐧𝐚 𝐯𝐨𝐜𝐞 𝐝𝐢𝐯𝐞𝐫𝐬𝐚 𝐞 𝐧𝐨𝐧 𝐯𝐨𝐠𝐥𝐢𝐨𝐧𝐨 𝐧𝐞𝐦𝐦𝐞𝐧𝐨 𝐬𝐞𝐧𝐭𝐢𝐫𝐞 𝐝𝐨𝐦𝐚𝐧𝐝𝐞. 𝐀 𝐥𝐨𝐫𝐨 𝐬𝐟𝐮𝐠𝐠𝐞 𝐭𝐨𝐭𝐚𝐥𝐦𝐞𝐧𝐭𝐞 𝐢𝐥 𝐩𝐫𝐢𝐧𝐜𝐢𝐩𝐢𝐨 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐥𝐨𝐠𝐢𝐜𝐚, 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐫𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐚𝐥𝐢𝐭𝐚‌ 𝐞 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐜𝐨𝐞𝐫𝐞𝐧𝐳𝐚.

Ma quando si sveglieranno, la loro “terribile paura” ritornerà e i leader delle masse non possono nemmeno permettere che le masse si sveglino, perché quando le masse si sveglieranno e vedranno i veri danni e le perdite subite, si arrabbieranno con coloro che hanno causato il danno e probabilmente cercheranno di perseguitare quei leaders.

Nella storia, gli organizzatori di addestramenti di massa vengono sempre perseguitati una volta che le masse si svegliano ed escono dallo stato di ipnosi.

Il 30% delle persone sono profondamente ipnotizzate.

Il 40% non lo è, ma segue le masse. Sono i cosiddetti “conformisti”. Quando il 40% smetterà di sentire il dissenso della ragione, si unirà purtroppo agli ipnotizzati e li seguirà. Adesso ci troviamo precisamente a questo punto.

Poi c’e’ l’ultima parte: il 30% che non può essere ipnotizzato, e il che non ha niente a che vedere ne’ col grado di cultura, ne’ con l’educazione, e neanche con lo status sociale o la capacita’ intellettuale. Semplicemente sono persone che per motivi del tutto soggettivi sono refrattarie allo stato di ipnosi. Questo 30% e’ l’unica via d’uscita da questa drammatica situazione, ma solo se continua ad opporsi ed a parlare.

Nel totalitarismo, quando le ultime voci dissenzienti si arrendono e vengono messe a tacere, le masse iniziano a commettere atrocità abominevoli in nome della solidarietà e del collettivo.

Il 30% dei non ipnotizzati è un misto di diversi gruppi e di diverse religioni, tendenze politiche o status sociali. Se questi gruppi non trovano un terreno comune per unirsi, perdono, e senza le voci coraggiose e persistenti dei dissidenti, anche il 40% cade.

COMUNICATO A TUTTI I PAZIENTI ISCRITTI CON ME ED A QUANTI SI VOGLIONO ISCRIVERE

Per problemi amministrativi, legati al fatto che – come sapete – ho scelto di non sottopormi alla vaccinazione obbligatoria contro il Covid, a partire dal mese di luglio sarò sostituito in studio dalla dottoressa Stefania Velitti, una geriatra molto preparata che gode della mia massima stima e gratitudine per la collaborazione che saprà assicurarvi.

Qualora questa situazione dovesse perdurare, però, è evidente che per continuare a svolgere la professione medica secondo scienza e coscienza e seguendo i principi di Ippocrate, sarò costretto mio malgrado a prendere le distanze dal rapporto di convenzione con la Asl nella speranza di poter finalmente tornare a curare le persone, libero da vincoli e limitazioni e senza alcun interesse se non quello di preservare la salute dei miei pazienti.

In ogni caso, per particolari problemi o necessità, potrete continuare a contattarmi e sarò sempre a Vostra disposizione.

Mariano Amici, medico

Vi pubblico il messaggio di ringraziamento di mio figlio in risposta agli auguri ricevuti

“Vorrei ringraziare tutti personalmente per i numerosi messaggi di auguri. Siete stati davvero in tantissimi ad esprimere un pensiero per me. Mi avete emozionato. Grazie!”
Andrea Amici

Oggi mio figlio Andrea compie 28 anni

Andrea Amici, pilota professionista

Il mio augurio e’ quello che possa sempre continuare ad essere quel ragazzo allegro, umile, preparato, sempre disponibile con il prossimo in difficolta’, sempre pronto ad aiutare i ragazzi meno fortunati di lui e che possa, grazie a queste sue doti, continuare a mietere quei grandi successi professionali conseguiti fino ad ora.❤️❤️❤️

CARO BENZINA E DANNI CONSEGUENTI

COMUNICATO IMPORTANTE.

⚡️Un’idea per ridurre i prezzi del carburante⚡️

⭕️ In alcune zone il prezzo è di 2,20 euro al litro e presto dovremo pagare 2,80 euro al litro. Ecco quindi l’idea:

Questo ha molto più senso che “Non comprare benzina in un giorno particolare” che si è svolta lo scorso aprile poi a maggio! Le compagnie petrolifere se la ridevano, perché sapevano che rifiutandosi di comprare la benzina non le avremmo danneggiate ulteriormente. È stato più un inconveniente per noi che un problema per loro. Ma chi ha avuto questa idea ha elaborato un piano che può funzionare davvero.

Leggete e partecipate!

⭕️ Ora che le compagnie petrolifere e i paesi dell’OPEC ci hanno condizionato a credere che il prezzo di un litro possa oscillare di 10 cent. in un giorno, dobbiamo essere aggressivi nell’insegnare loro che sono i consumatori, non i venditori, a controllare il mercato. Poiché il prezzo della benzina continua a salire ogni giorno, noi consumatori dobbiamo agire. L’unico modo in cui il prezzo della benzina può scendere è quello di fare i conti in tasca a qualcuno, non comprando la sua benzina! E possiamo farlo SENZA farci del male.

🐸💡Ecco l’idea:

⭕️ Per il resto dell’anno NON comprate benzina dalle due maggiori compagnie petrolifere. ENI e Q8, per esempio.

⭕️ Se smettono di vendere benzina, saranno propensi ad abbassare i prezzi per accaparrarsi clienti. Se abbassano i prezzi loro (che sono i più forti), le altre aziende dovranno seguire il loro esempio. Ma per avere un impatto, dobbiamo raggiungere letteralmente milioni di acquirenti di ENI e Q8. È davvero facile da fare!

⭕️ Quindi, non deludetemi, continuate a leggere e vi spiegherò come è facile raggiungere milioni di persone!

⭕️ Invio questo messaggio a quante piu’ persone possibile. La persona che l’ha inviata a me l’ha inviata anche ad altre 29 persone. Se ognuno di voi lo invia a tutti i propri contatti e cosi via il messaggio per via del moltiplicatore che si verra’ a creare raggiungera’ presto decine di milioni di persone!
Se riusciremo nell’intento poi staremo a vedere se le multinazionali energetiche continueranno ad aumentare in maniera spropositata i prezzi senza alcuna reale giustificazione se non quella di gonfiarsi le tasche consenzienti i governi che ci inzuppano il pane!!!

⚠️ Ancora una volta, tutto ciò che dovete fare è inviare questo messaggio a tutti i vostri contatti. Tutto qui (e non acquistate da ENI e Q8). Se agiamo insieme, possiamo fare la differenza. Se pensate che ne valga la pena, inoltrate questo messaggio.

👍🏻 Vi prego di resistere non facendo carburante da loro per tutto questo anno, o finché non riducono notevolmente (almeno 50 cent.) i prezzi.
È molto facile farlo. Inoltrate questo POST e acquistate il vostro petrolio altrove (esempio distributori senza grandi aziende alle spalle. So che non è facile in periferia, ma è FACILE nelle città.